Risorse per cure palliative e hospice

Scopri la differenza tra cure palliative e cure hospice presso UNM Health e scopri come aiutare al meglio i tuoi pazienti che necessitano di tali servizi.

Cosa sono le cure palliative e le cure hospice?

Cure palliative aiuta i pazienti a migliorare la loro qualità di vita, ridurre i sintomi e affrontare l'ansia e la depressione anche se i pazienti ricevono un trattamento per curare una malattia o rallentarne la progressione. L'assistenza in hospice aiuta anche a mantenere i pazienti a proprio agio, ma è appositamente progettata per i malati terminali negli ultimi sei mesi di vita.

Sia per le cure palliative che per le cure hospice, un team di assistenti professionali può includere medici, infermieri, farmacisti, assistenti sociali, cappellani, vita da bambino specialisti e consulenti.

Cos'è il Programma Mariposa?

Il Programma Mariposa attraverso l'UNM Children's Hospital fornisce assistenza domiciliare diretta alle famiglie di bambini morenti entro 60 miglia da Albuquerque. Il team offre supporto agli hospice, ai fornitori di cure primarie e alle agenzie di assistenza domiciliare che si prendono cura delle famiglie in altre aree del New Mexico. Il nostro obiettivo è che ogni bambino malato terminale nello stato riceva cure palliative e hospice complete.

Come posso aiutare i miei pazienti di cure ospedaliere?

Anche se il direttore medico dell'hospice si prenderà cura del tuo paziente, la ricerca mostra che la maggior parte delle persone desidera ricevere informazioni sulla propria condizione dal proprio medico. Il tuo rapporto con il paziente e la famiglia ti consente di discutere di questioni delicate e di fine vita in modo premuroso e personale.

Aiuta i tuoi pazienti:

  • Supervisionare l'assistenza per garantire la continuità e assisterli nel raggiungimento dei loro obiettivi di qualità della vita.
  • Discutere gli obiettivi di fine vita con il paziente e la famiglia (compresi gli ordini di non rianimare, quando appropriato). I pazienti e le famiglie possono esitare a parlare con uno specialista dell'idea che il loro bambino possa morire perché temono che il medico possa "rinunciare a loro".
  • Facilitare la comunicazione tra il genitore e il bambino, includendo il più possibile il bambino nella discussione. I bambini malati terminali di solito sono consapevoli della loro prognosi, anche se nascondono tale conoscenza agli adulti. I bambini si sentono meno isolati se possono condividere le loro preoccupazioni.
  • Ascoltare con compassione le paure e le preoccupazioni delle famiglie e rispondere alle loro domande in modo completo e rispettoso.
  • Dare spiegazioni in un linguaggio chiaro e semplice, riconoscendo che potresti dover dare la stessa spiegazione più volte.
  • Accettare prospettive culturali e religiose sulla malattia e sulla morte che possono essere diverse dalle proprie.
  • Riconoscere i punti di forza del bambino e della famiglia.
  • Non nascondere i tuoi sentimenti per proteggere la famiglia. Apprezzeranno il tuo interesse.

Domande da porre ai pazienti di cure palliative

Quando vedi pazienti che ricevono cure palliative, chiedi a loro o alle loro famiglie:

  • Cosa ti hanno detto i medici?
  • Come pensi che stiano andando le cose?
  • Cosa ti aspetti che accada?
  • Cosa speri di ottenere da questo trattamento/ricovero?