Fornitore di servizi sanitari che esamina lo stomaco della donna incinta in sala parto.
Di Nicholas Andrews, MD, PhD

Chi dovrebbe essere in sala parto? Come scegliere la migliore persona di supporto al lavoro

Colpo alla testa Nick Andrews.jpg
Nicholas Andrews, MD, PhD

Gli operatori sanitari hanno molti modi per mantenerti concentrato e al sicuro durante il travaglio e il parto. Ma una persona spesso offre più vantaggi del medico o dell'infermiere: la persona di supporto.

Avere una persona di supporto al lavoro dedicata, qualcuno che non fa parte del tuo team di assistenza sanitaria, è così importante. La ricerca mostra che le donne che hanno un supporto al travaglio continuo hanno meno probabilità di usare farmaci per il dolore o di avere cesarei. Tendono anche ad avere esperienze di nascita più brevi e più soddisfacenti.

In UNM Health, pensiamo che sia così importante per le donne avere un supporto lavorativo che, anche con visitatori limitati durante COVID-19, abbiamo dato la priorità a consentire a ogni paziente di avere una persona di supporto nella sala parto.

Il parto è uno dei giorni più importanti della tua vita. Il tuo partner di lavoro può fare molto per renderlo l'esperienza del parto che immagini. Il loro ruolo è aiutarti a concentrarti, gestire il tuo dolore e incoraggiarti durante quella che può sembrare una maratona.

Parliamo di come costruire il sistema di supporto perfetto, come un partner di lavoro può aiutarti a prepararti al parto e il loro ruolo in sala parto.

4 domande da porre sulle opzioni delle persone di supporto

Quando scegli chi sarà la tua persona di supporto al lavoro principale, il primo passo è avere una discussione franca. Essere presenti alla nascita di un bambino è diverso dall'essere una persona di supporto attiva. Vuoi qualcuno che sia pronto e in grado di aiutarti durante un'esperienza impegnativa e dolorosa, ma gioiosa.

Quando si pensa al sostegno al lavoro, la maggior parte delle persone presume che sarà il coniuge o il partner della donna. Questo è spesso il caso. Ma mentre il partner è spesso presente, la persona di supporto principale può essere la madre, la sorella o la migliore amica del paziente, o un'amica doula.

Pensa a queste domande mentre consideri chi dovrebbe unirsi a te in sala parto:

1. Il tuo partner è adatto al lavoro?

Molti partner sono persone meravigliose di supporto primario durante il travaglio e il parto. Ma alcuni non lo sono, e con buone ragioni. Può essere difficile per il tuo partner vederti soffrire. E, se svengono alla vista del sangue, considera di trovare qualcun altro come persona di supporto. Non vuoi essere preoccupato per il tuo partner mentre stai cercando di concentrarti sull'avere il tuo bambino!

Se scegli una persona di supporto diversa, il tuo partner può ancora essere nella stanza e coinvolto come entrambi vorreste. Oppure possono aspettare nella sala d'attesa, qualunque cosa vi faccia sentire a vostro agio. Prima, durante e dopo il parto, ci sono ancora molti modi in cui il tuo partner può supportarti.

2. Preferiresti il ​​supporto di una mamma esperta?

Alcune donne trovano confortante avere un'altra donna con loro, specialmente qualcuno che ha partorito prima. Possono dirti cosa aspettarti e rispondere a molte delle tue domande.

Per alcune famiglie, è un'usanza culturale includere una parente di sesso femminile nel travaglio e nel parto. Per gran parte della storia, infatti, il parto è stato un evento esclusivamente femminile. Le parenti e le amiche di una donna l'avrebbero aiutata, insieme a un'ostetrica. Ai padri veniva spesso chiesto di far bollire l'acqua o di prendere degli asciugamani (probabilmente per toglierli di mezzo!) ma di solito non assistevano al parto. Parla con la tua famiglia e il tuo ginecologo o ostetrica delle migliori opzioni per te.

3. Preferisci una doula?

Un'altra opzione di supporto che sta diventando più comune sono le doule. Questi compagni addestrati forniscono supporto emotivo, fisico ed educativo alle donne durante la gravidanza, il travaglio, il parto e dopo il parto.

All'UNM Hospital, riconosciamo i benefici che le donne possono trarre dalle doule, quindi abbiamo avviato un programma di accompagnamento al parto volontario che offre compagni di parto gratuiti ai pazienti Medicaid incarcerati, non assicurati e scarsamente serviti che partoriscono qui i loro bambini. Questo programma è sospeso durante la pandemia di COVID-19. Tuttavia, riavvieremo il programma non appena sarà sicuro.

 

Due donne sedute con una donna incinta in ospedale, tutte sorridono e parlano insieme.

Lettura correlata

Cosa fa una doula? Inoltre, suggerimenti per trovare la tua corrispondenza perfetta.

4. Quante persone sono ammesse?

Durante COVID-19, i visitatori in camera sono limitati. Ma anche in tempi normali, non è sempre sicuro avere un gran numero di persone con te in sala parto.

Vogliamo che tu abbia con te tutti quelli che desideri, ma il team sanitario ha bisogno di spazio per lavorare. Le cose possono cambiare rapidamente in sala parto. Se si verifica un'emergenza, abbiamo bisogno di percorsi chiari e meno persone per uscire dalla stanza.

Prima di chiedere a più persone di essere in sala parto con te, parla con il tuo infermiera-ostetrica, medico di famiglia, o OB/GYN quante persone sono ammesse. 

In alcuni casi, avere un limite sulle persone potrebbe funzionare a tuo vantaggio. Alcuni pazienti vogliono solo una persona con loro, ma più persone care vogliono assistere al parto. Il tuo provider può consegnare quel messaggio per te e può dare la colpa a noi!

Sostegno prima del parto

Ora che hai trovato il sistema di supporto perfetto, diamo un'occhiata ad alcuni modi in cui possono aiutarti prima, durante e dopo il parto.

prima del parto

Non c'è niente come troppa preparazione. Anche se hai già avuto un bambino, c'è sempre qualcosa di nuovo da imparare. Questo vale anche per la tua persona di supporto.

Chiedi alla tua persona di supporto e/o partner di accompagnarti agli esami prenatali e ai corsi di parto per conoscere le tecniche di rilassamento e le posizioni lavorative. La tua persona di supporto può anche guardare video o leggere articoli o libri su come aiutarti al meglio.

Discuti il ​​tuo piano di nascita con il tuo team di supporto in modo che tutti siano sulla stessa pagina. In questo modo, possono aiutarti a difendere le tue preferenze mentre sei in travaglio.

Infine, fai un giro dell'unità travaglio e parto e prepara la borsa per la notte per il tuo ricovero in ospedale. Assicurati che la persona di supporto abbia il telefono a portata di mano in modo che sia pronto a partire quando iniziano le contrazioni.

Durante il travaglio e il parto

Una volta che le contrazioni iniziano, la persona di supporto può intervenire e iniziare a cronometrarle. Più le contrazioni sono vicine, più sei vicino ad avere il tuo bambino. Parla con il tuo medico in anticipo su quando dovresti partire per l'ospedale.

Il travaglio può richiedere del tempo. La tua persona di supporto può fare molto per aiutarti a passare il tempo. Insieme, puoi giocare a carte o un gioco da tavolo, guardare un film o passeggiare per i corridoi.

Quando le contrazioni diventano più frequenti e intense, la tua persona di supporto può guidarti attraverso le tecniche di respirazione e rilassamento che hai praticato. Possono anche aiutarti ad entrare in posizioni diverse per alleviare un po' di disagio. La tua persona di supporto può aiutarti a entrare in una vasca calda, massaggiare la schiena o semplicemente offrirti una mano da stringere.

In tutto questo, dovrebbero continuare a incoraggiarti: le parole calmanti e positive possono essere un grande motivatore. E dovrebbero essere flessibili. Se vuoi che smettano o inizino a fare qualcosa, diglielo. Il loro ruolo è quello di aiutarti come possono, incluso aiutarti a comunicare con il team sanitario.

Dopo che il bambino è nato

Una volta che hai avuto il tuo bambino, ti meriti e hai bisogno di riposo. La tua persona di supporto può occuparsi di aggiornare la famiglia sulla buona notizia e aiutare a tenere traccia delle informazioni sui test neonatali e sui vaccini che vengono somministrati dopo la nascita.

Quando torni a casa, chiedi e accetta l'aiuto di familiari e amici. Lascia che guardino il bambino per alcune ore mentre fai la doccia, fai una passeggiata o fai un pisolino. Non dire di no alle offerte di pasti preparati o di aiuto con il bucato.

La tua persona di supporto può anche aiutarti a osservare i segni di depressione e ansia postpartum, entrambi comuni dopo il parto. Possono aiutarti a ottenere le cure di cui hai bisogno per iniziare a sentirti di nuovo te stesso.

Quando si tratta di gravidanza, travaglio e parto, mamma e bambino sono le stelle dello spettacolo. Ma ogni star ha bisogno di un forte membro del cast di supporto o due. Trova e arruola la persona che sarà la tua roccia e ti aiuterà in uno dei momenti più gioiosi che la vita possa offrire.

Per sapere se tu o una persona cara potreste trarre beneficio dalle cure ostetriche/ginecologiche, chiamate il 505-272-2245.

Categorie: Salute Della Donna