Una madre incinta che aspetta in un atrio
Di Katherine Lyons, MD

Acne in gravidanza: le prime 3 domande, risposte

Molte donne si aspettano un "bagliore" roseo durante la gravidanza, ma invece sperimentano arrossamenti e infiammazioni dall'acne. La buona notizia è che sono disponibili trattamenti sicuri e efficaci per l'acne che si sviluppa durante la gravidanza.

Invece di un "bagliore di gravidanza", molte donne sperimentano arrossamenti o infiammazioni causati dall'acne durante la gravidanza. Anche alcuni brufoli inaspettati possono creare ulteriore stress quando sei già ansioso cambiamenti del corpo che si verificano durante la gravidanza.

L'acne durante qualsiasi fase della vita può essere frustrante e fonte di confusione. Gli ormoni della gravidanza possono rendere queste emozioni più intense. E mentre indossare una maschera per il viso è importante per una buona salute durante la pandemia, può causare qualche brufolo in più.

Non puoi controllare in che modo la gravidanza influenzerà la tua pelle, ma sono disponibili trattamenti per l'acne sicuri. Discutiamo di come affrontare i problemi di carnagione in modo che tu possa concentrarti su una gravidanza sana.

1. Quali sono le cause dell'acne durante la gravidanza?

Al di sopra Il 40% delle pazienti in gravidanza ha l'acne. È più comune nelle donne che hanno avuto l'acne prima della gravidanza, ma può svilupparsi in qualsiasi paziente incinta.

L'acne si verifica quando i pori della pelle si ostruiscono con batteri, olio o cellule morte della pelle. L'età, la genetica, lo stile di vita e le condizioni fisiche come la gravidanza influiscono sulla quantità di questi irritanti per la pelle che il tuo corpo produce.

Durante i primi due trimestri di gravidanza, si producono più ormoni riproduttivi chiamati androgeni, in particolare il progesterone. Quando questi livelli di ormone aumentano, aumenta anche la quantità di olio prodotta dalla pelle. E più olio significa più pori ostruiti.

È probabile che i brufoli si manifestino sul viso, sul collo, sul petto o sulla schiena. E non stiamo parlando di piccoli brufoli.

Durante la gravidanza, è probabile che tu veda l'acne nodulare. Questi brufoli sono profondi e di solito sono rossi e dolorosi. Sembrano piccole protuberanze sotto la pelle. L'infiammazione può causare macchie scure o cicatrici sulla superficie della pelle, ma alcuni trattamenti possono prevenire questo danno.

2. Quali trattamenti per l'acne sono sicuri durante la gravidanza?

La tua prima linea di difesa contro l'acne in gravidanza è un detergente delicato privo di profumo e coloranti. Usalo due volte al giorno per una settimana o due.

Se non vedi risultati, puoi provare un farmaco da banco (OTC). Il Collegio Americano di Ostetrici e Ginecologi (ACOG) consiglia prodotti contenenti uno dei seguenti ingredienti:

  • L'acido azelaico, che può aiutare a sbiadire lo scolorimento causato dall'acne
  • Acido glicolico, che scioglie le cellule morte della pelle e può anche aiutare a sbiadire lo scolorimento
  • Perossido di benzoile topico, un antimicrobico che distrugge i batteri sotto la pelle e rimuove l'olio in eccesso e le cellule morte della pelle sulla superficie della pelle
  • Acido salicilico topico, un ingrediente che sblocca i pori

Alcuni farmaci da prescrizione sono anche sicuri da usare, tra cui eritromicina orale, cefalexina o prednisolone; questi tendono a funzionare meglio quando combinato con perossido di benzoile topico.

ACOG afferma che questi quattro farmaci per l'acne lo sono non sicuro da usare durante la gravidanza:

  • Terapia ormonale, che può aumentare il rischio di difetti alla nascita
  • Isotretinoina, una forma di vitamina A che può causare gravi difetti alla nascita
  • Tetraciclina orale, un antibiotico che può danneggiare i denti e le ossa del tuo bambino
  • Retinoidi topici, che sono simili all'isotretinoina e possono essere trovati sia nei farmaci da banco che nei farmaci da prescrizione

Provare troppi trattamenti può peggiorare la tua acne. Parla con un dermatologo—un medico specializzato nella cura della pelle — sulle migliori opzioni per te. Il dermatologo può raccomandare trattamenti avanzati per ridurre l'infiammazione, come iniezioni di steroidi intralesionali o terapia laser.

La tua pelle dovrebbe iniziare a schiarirsi nel terzo trimestre o dopo il parto. Tuttavia, alcune donne hanno l'acne per alcuni settimane dopo la consegna, poiché gli ormoni sono ancora fluttuanti. Per l'acne postpartum, seguire le stesse linee guida di trattamento. Se tu sei l'allattamento al seno, controlla con il tuo medico o dermatologo per assicurarti che il tuo farmaco sia sicuro per continuare.

Per visitare un dermatologo, chiamare il 505-272-6222

3. Posso prevenire l'acne durante la gravidanza?

Per quanto irritanti possano essere i cambiamenti ormonali, aiutano il tuo bambino a crescere. Non puoi impedire ai cambiamenti ormonali di influenzare la tua pelle, ma alcuni suggerimenti possono rendere l'acne meno grave:

  • Non toccare o stuzzicare la pelle a tendenza acneica. So che è allettante, ma gli oli sulle dita combinati con lo sfregamento di schiacciare la pelle possono peggiorare l'acne.
  • Usa detergenti delicati e pressione quando ti lavi il viso. Più sostanze chimiche contiene un prodotto, più è probabile che irriti la pelle. E strofinare troppo forte può causare sfoghi e macchie.
  • Applicare lozioni, trucco e prodotti per capelli a base di acqua, non olio. I prodotti a base d'acqua creano meno opportunità per l'accumulo di sebo sul viso.
  • Mangia molti cibi a basso indice glicemico, che sono stati legato ad una riduzione dell'acne. Questi includono frutta, verdura, fagioli e cereali integrali.
  • Pratica una buona igiene quando indossare una maschera per il viso. Applicare poco o nessun trucco sotto la maschera e applicare una crema idratante prima e dopo averla indossata. Lavare le mascherine riutilizzabili dopo ogni utilizzo. E indossa una maschera che ti sta bene: se è troppo stretta o troppo grande, può strofinare e irritare la pelle.

Prenditi cura anche della tua salute mentale

L'acne nelle donne adulte, in gravidanza o meno, può scatenare depressione, ansia e isolamento sociale. Molti pazienti affermano che i loro problemi di acne influenzano la loro vita sociale, professionale e personale.

Non c'è vergogna nell'acne o nel sentirsi a disagio al riguardo. Se gli effetti collaterali emotivi dell'acne iniziano a essere opprimenti, parla con il tuo medico in modo che possa fornirti l'aiuto di cui hai bisogno. Meglio ti senti mentalmente, meglio sarai attrezzato per gestirlo cambiamenti di gravidanza, mese dopo mesee l'eccitazione che può portare.

Per scoprire se tu o una persona cara potreste trarre beneficio dalle cure ostetriche/ginecologiche
Categorie: Salute Della Donna