Dopo la nascita di un nuovo bambino, anche i papà possono avere la depressione postpartum.
Dal dottor Nicholas Andrews

Anche i nuovi papà possono avere la depressione postpartum

Gli uomini possono avere la depressione postpartum, ma i loro sintomi sono diversi da quelli delle donne. Scopri come individuare i segni e supportare il recupero.

Avere un nuovo bambino può causare una serie di emozioni per i nuovi genitori, dall'eccitazione alla tristezza e tutto il resto. Mentre alcuni giorni di emozioni sulle montagne russe sono normali, approssimativamente 1 nelle donne 7 sviluppare depressione postpartum (PPD)—una condizione più grave che può causare intensi sentimenti di tristezza e depressione.

Tuttavia, anche gli uomini possono provare depressione e ansia come nuovi papà. La depressione postnatale paterna (PPND) colpisce intorno 10% degli uomini. Si verifica più frequentemente Da 3 a 6 mesi dopo la consegna.

Spesso, la PPND passa inosservata negli uomini, in parte perché i loro sintomi sono diversi da quelli delle donne. I propri cari e gli operatori sanitari sono più propensi a chiedere come sta la nuova mamma. E molti uomini sentono di dover "essere duri" e non chiedere aiuto, o non riconoscere affatto le emozioni dannose.

È importante che la mamma si prenda cura di se stessa e del suo nuovo bambino. Dovrebbe anche tenere d'occhio i sintomi del suo partner e incoraggiarlo a cercare aiuto, se necessario.

I sintomi degli uomini sono diversi

Le neo mamme con PPD lottano internamente con sentimenti di tristezza, disperazione o senso di colpa. Alcuni temono di non essere una brava mamma e indovinano le loro decisioni.

I sintomi degli uomini sono in genere più esterni e possono includere:

  • Agire violentemente verso gli altri
  • Diventare facilmente innescato o frustrato da piccole cose
  • Impegnarsi in un conflitto distruttivo
  • Sperimentare pensieri di suicidio o autolesionismo
  • Sentendosi più arrabbiato del solito
  • Avere problemi di legame con il bambino
  • Uso crescente di alcol o droghe
  • Isolarsi dai propri cari
  • Perdere interesse per il lavoro, gli hobby, la socializzazione
  • Lavorare troppo per evitare di essere a casa
  • Comportamento rischioso o impulsivo
  • Problemi di sonno, estranei al programma del bambino

Chiama il medico se i sintomi peggiorano o durano più di due settimane. Se ti dice che sta avendo pensieri suicidi o autolesionismo, chiama immediatamente il 911 o la National Suicide Prevention Lifeline al numero 800-273-8255 per ottenere aiuto.

Alcuni fattori lo mettono a rischio maggiore

La depressione materna postpartum è la più forte predittore di PPD paterno. Tuttavia, non è colpa di nessuno. Se la madre ha PPD, un altro membro della famiglia o un amico fidato dovrebbe guardare il padre per i sintomi.

I suoi fattori di rischio possono includere:

  • Essere sopraffatti dalle aspettative
  • Stanchezza per mancanza di sonno
  • Storia familiare di depressione o altre malattie mentali
  • Problemi finanziari o disoccupazione
  • Insicurezze sul diventare genitori
  • Storia personale di depressione
  • Problemi di relazione con il coniuge o il partner
  • Gravidanza non pianificata

Cambiare gli ormoni mette a rischio le donne. Tuttavia, gli uomini sperimentano anche cambiamenti ormonali, come il calo del testosterone. Questo li mette anche a rischio di PPD.

Un nuovo papà con sintomi o fattori di rischio potrebbe non avere PPND, ma potrebbe. Conosci questi fattori di rischio e osserva i cambiamenti comportamentali improvvisi e anormali.

${immagineAlt}

Attenzione, papà: anche la salute e lo stile di vita influiscono sul bambino

Passi che i papà devono compiere per migliorare la loro salute, quella del loro bambino e del loro partner.

Come sostenerlo

Prima della diagnosi:

  • Fai uno screening: il suo medico può condurre uno screening professionale della depressione.
  • Educare se stessi: conoscere la depressione e parlarne apertamente.
  • Partecipa a lezioni di genitorialità: impara a identificare i segni di PPND e modi sani per discuterne.

Dopo la diagnosi:

  • Ottieni una consulenza sulla salute mentale: lavora con uno psicologo o un terapeuta per una prospettiva esterna e per strumenti di coping sani.
  • Unisciti a un gruppo di supporto online o di persona: parla con altri che stanno attraversando una situazione simile.
  • Prendi in considerazione i farmaci: gli antidepressivi possono aiutare con i sintomi della depressione e non è un segno di debolezza chiedere aiuto. Per esempio, Zulresso (brexanolone) è stato approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense come trattamento per la PPD.

PPND non è noto come PPD, ma è altrettanto serio. Può influenzare negativamente a cervello del bambino e sviluppo generale del bambino. Le relazioni possono soffrire. Se non trattata, la PPND potrebbe andare avanti per anni e danneggiare l'intera famiglia. Tuttavia, c'è speranza. Continuare a sensibilizzare e normalizzare questa condizione. Continua la conversazione.

Per scoprire se tu o una persona cara potreste trarre beneficio dalle cure ostetriche/ginecologiche
Categorie: Salute Della Donna